Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ideale.

Tutto ciò che riguardo la salute e il benessere attraverso nutrizione, movimento e rimedi semplici e naturali
La "La verità è sempre semplice !" Cerchiamo assieme sulle soluzioni più efficaci e naturali per un benessere e salute con buonsenso e semplicità. (BS2)
Rispondi
Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ideale.

Messaggio da Luca » 21/08/2011, 19:20

Gunther Baur ha scritto: "Il problema nel seguire una dieta ideale fruttariana é comune, ma anche molto semplice da capire ........le difficoltà sono di natura psicologica. Bisogna sapere que siamo cresciuti nelle braccia di una mamma, che prima ci ha allattati e poi ci ha dato i cibi cotti per crescere. Questa mamma inoltre ci ha dato amore, protezione, affetti e valori, e il nostro subconscio non riesce a separare i sentimenti dalle esperienze culinarie. Per questo le tentazioni sono sempre con i cibi cotti che ci ha dato mamma, o i biscotti o il cioccolato ecc..... C’é dunque bisogno di un lavoro su se stessi per convincerci che la mamma con tutto il bene che ci ha fatto, ha sbagliato con il cibo. Non é facile, soprattutto per le donne che sono le portatrici del bastone della cultura culinaria nella staffetta delle generazioni che si susseguono"
Mi è piaciuto molto come gunther ha semplicemente spiegato questo aspetto che forse è uno di quelli che più ci blocca e più ci impedisce di progredire o comunque ci fa progredire lentamente. :roll:
Sommato al fatto che la società continua a proporci certi piatti e certe pietanze errate per il corpo umano, attraverso media pubblicità giornali riviste film e trasmissioni televisive, ....la nostra volontà dovrebbe essere molto elevata per perseverare in questo cammino. 8-)
Questo sito e forum vuole essere un aiuto semplice, di sostegno e di facile aiuto, per chi vuole disintossicarsi mentalmente e fisicamente da tutti i cibi errati che ci hanno propinato sin da piccoli. :D ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
Varda
Messaggi: 288
Iscritto il: 23/04/2011, 21:36
Località: Carmignano (PO)

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Varda » 22/08/2011, 9:39

Caro Luca. Sono in transizione da circa sei mesi.
Per quanto mi riguarda la difficoltà psicologica principale non consiste tanto in inconsci condizionamenti mammari (ho lavorato molto su me stesso in questo senso) o televisivi (non guardo la tv da anni proprio per mantenere la mia capacità di discernimento alta), quanto nel non cedere alle "tentazioni" nel sociale.

Ad esempio sabato sono andato a trovare degli amici al mare.
Nuotate in piscina, qualche bel fico colto direttamente dall'albero... ma poi ci si metta a tavola per il pranzo e sinceramente mangiare solo un'insalatona quando siamo appena stati insieme a comprare pappardelle maremmane, sugo di cinghiale e di ombrina per tutto il gruppo ...

Beh, c'è sempre il timore di essere considerato "strano" o "eccentrico" e in qualche modo di essere, o sentirsi, escluso, sono sincero.

Voi come avete fatto a superare questi scogli ( a proposito di mare :mrgreen: ) ?
"Ci sono solo due modi di vivere la vita: uno è il modo giusto, l'altro è quello sbagliato.
Il modo giusto consiste nel dare, nel dividere quello che si ha, nell'amare.
Il modo sbagliato è quello di prendere, di sfruttare, di accumulare"

Osho

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Luca » 22/08/2011, 12:07

Ciao Andrea, :D
prima di tutto, voglio dire che non è che quella sia l'unica ragione dei nostri problemi, ma che a livello "inconscio" potrebbero esserci molti comportamenti dovuti a reazioni e stimoli dell'infanzia di cui noi non abbiamo minimamente la coscienza.
Alcune cose, non ce le ricordiamo per nulla, a meno che non facciamo una terapia specifica su quel tipo di memoria.
E queste eseprienze del passato specie più antico, possono condizionarci in maniera incisiva nel tempo presente senza che ce ne rendiamo conto. ;)

Detto questo, il timore di essere considerato "strano" o "eccentrico" sparisce quando sai che tu stai seguendo la scelta più salutare per il tuo corpo, e percorri il cammino di benessere ad esso associato.
Poi sono del parere, che sgarrare per socialità o amicizia, ogni tanto, non sia un problema, a patto che, appunto, non diventi un abitudine. 8-)

Poi c'è anche l'opportunità di mangiarsi un' insalatona e basta, senza dare troppe spiegazioni o comunque dicendo che non ti piace mangiare "cibo animale" senza entrare in troppi dettagli.
Quindi se non ci fai caso, nessuno ci farà caso, anzi ne potresti fare motivo di simpatica curiosità se vedono che vivi la tua scelta in maniera equilibrata e serena :D .

Nel mio caso, gli amici ormai conoscono le mie scelte e non ci fanno caso, a parte qualche domanda curiosa ogni tanto.
Anzi mantenere il tipo di alimentazione che ho, mi aiuta a essere di esempio anche per gli altri.
Tutto ciò che è fatto con, amore, serenità e armonia, e senza sensi di colpa, è perfettamente allineato con il nostro benessere. ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

robyvac
Messaggi: 56
Iscritto il: 24/03/2011, 19:15

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da robyvac » 22/08/2011, 20:42

Porto anche la mia esperienza, poichè quello che hai descritto è un notevole scoglio da affrontare per passare oltre e continuare la tua serena ed energica nuotata nel mare della frutta e della vita. Vedi, personalmente ho superato questi problemi semplicemente rivalutando positivamente i concetti di "strano" ed "eccentrico" di cui tu hai parlato, ovvero presumo che sia normale per i tuoi amici e conoscenti pensare che sei strano se fai qualcosa di differente da ciò che dice il senso comune, ma poi mi viene da chiederti....: che c'è di male a essere considerato strano e soprattutto eccentrico?? Vuol dire semplicemente non conformarsi al pensiero che tutti dovremmo adeguarci a abitudini , stili di vita e criteri di orientamento generalizzanti e standardizzati, ma quello che ho scoperto con sorpresa e che tutti quanti siamo unici e se manifestiamo la nostra unicità senza timore, accettando quello che siamo, siamo anche sinceri con noi stessi e quindi viviamo sereni e senza conflitti. C'è una parte di tutti noi molto coraggiosa che sente l'irrealta di tutto ciò che forma il condizionamento riguardante i concetti come "normalità", "uniformità", la stessa parte che si indigna quando subisce una generalizzazione da parte di qualcuno che magari ti etichetta come non vorresti e ti giudica, perchè questa parte di te sa che tu sei tu e sei assolutamente imparagonabile con chiunque altro. Seguire un sistema come quello fruttariano è per me sinonimo di coraggio e serietà, amore verso se stessi e verso la vita, rispetto per ciò che eravamo per capire come rispettare chi non condivide o teme le nostre scelte. Non vedo perchè dovresti mai vergognarti di essere un sincero ricercatore, un coraggioso esploratore, uno che non se ne sta di ciò che gli è stato dipinto come "verità" o "realtà" o "salute" :D Se rispetti te stesso nel tuo percorso unico e individuale allora non sarà un problema avere il rispetto altrui, a patto che non si arrivi a considerarsi superiori perchè "sappiamo". Il bello è proprio questo, io NON SSSSSO e sono ben contento di non sapere perchè ciò mi dà l'oppoprtunità di scoprire da me, sperimentare, stupirmi e sorprendermi e vivere con lo stesso spirito di un bambino :lol: E non puoi avere idea di quanto influisca il tipo di alimentazione per giungere ad un tale senso di energia, lucidità, serenità interiore, gioia di vivere, e per percorrere tranquilli ed emozionati la propria unica e imparagonabile strada :D E tu ci sei, abbi solo pazienza e non preoccuparti se cedi di tanto in tanto, la repressione non è mai stata utile a nessuno, osserva e impara, guardati e osserva cosa succede e come ti senti quando mangi di più e ti alimenti "male" e disordinatamente, perchè devi avere un metro di paragone per poter comprendere cosa è meglio o peggio PER TE. Non devi essere tu a forzarti di abbandonare certe abitudini, devi solo evitare di opporti quando esse si preparano ad abbandonarti, perchè una volta che sei sulla strada giusta le cose "succedono" e non le fai accadere tu, allora procedi senza sforzi nè pensieri. Amati e sii giusto con te stesso , non colpevolizzarti e non giudicarti, non pensarti mai in negativo e vai tranquillo dai tuoi amici a fare quello che in quel momento ritieni giusto, così da imparare dai tuoi sbagli in modo da trasformare radicalmente questi ultimi in OPPORTUNITA' di crescere e imparare. Opsss, devo andare in bagno, vi saluto :oops:

Avatar utente
Varda
Messaggi: 288
Iscritto il: 23/04/2011, 21:36
Località: Carmignano (PO)

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Varda » 23/08/2011, 14:37

robyvac ha scritto:Porto anche la mia esperienza... vi saluto
Ti quoto in pieno Roberto. Grande :D

Non sempre facile da mettere in pratica , ma ce se po'fa' ;)
"Ci sono solo due modi di vivere la vita: uno è il modo giusto, l'altro è quello sbagliato.
Il modo giusto consiste nel dare, nel dividere quello che si ha, nell'amare.
Il modo sbagliato è quello di prendere, di sfruttare, di accumulare"

Osho

robyvac
Messaggi: 56
Iscritto il: 24/03/2011, 19:15

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da robyvac » 23/08/2011, 20:16

Se fa, se fa ;)

Roby.Casta
Messaggi: 7
Iscritto il: 02/03/2012, 14:15

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Roby.Casta » 02/03/2012, 21:51

Tutto l'aspetto psicologico dell'alimentazione fruttariana, è secondo la mia pura esperienza personale, legato al liberarsi dalla dipendenza(esattamente come capita per le droghe) dai cibi moderni occidentali... Superato questo difficile passaggio sarà facile iniziare ad alimentarsi con l'unico cibo possibile per l'uomo: la frutta!

:roll:

mirtilla
Messaggi: 46
Iscritto il: 02/03/2011, 10:56

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da mirtilla » 06/03/2012, 13:56

Porto anche il mio pezzettino su questo argomento....in breve anch'io penso che la dipendenza sia il fattore principe della resistenza al cambiamento alimentare, una dipendenza che è di ordine psicologico ed anche fisico, esattamente come per una droga. Chiaramente ci sono nel nostro subconscio convinzioni radicate che fanno parte del bagaglio umano da tanto tanto tempo e che sostengono tali dipendenze a nostra insaputa.

In particolare riguardo al cibo cotto, che ottunde i sensi, intorpidisce la mente e ci culla beatamente nel sonno, mentre la vita ci passa accanto....questi sono effetti che ho appurato negli anni di altalena tra il cotto ed il crudo fino alla frutta, ho trascorso molto tempo ad osservarmi, soprattutto nelle fasi in cui passavo da una cosa all'altra.

Il cibo crudo integrale è la vita denudata da tutti i suoi orpelli, condimenti, edulcoramenti, camuffamenti, la vita allo stato naturale.
Fa molta paura questo alla parte di noi abituata a dormire e a consolarsi in una vita finta, precotta, alterata, ma per certi versi rassicurante.

La frutta poi, rappresenta l'innocenza primordiale a mio parere, quella purezza a cui tendiamo che però vuole anche dire avere il coraggio di fare tabula rasa di ogni condizionamento, paura, pregiudizio, blocco, trauma, per fare spazio, vuoto, tornare un po' bambini ed abbandonarsi finalmente al flusso gioioso ed amorevole della vita, con fiducia rinnovata e pace interiore.

Per tornare ai discorsi sulla socialità, per quanto mi riguarda ad un certo punto di questo percorso, ho sentito che quello che potevano pensare della mia scelta gli altri, importava molto poco; del resto se capisci anche che le persone reagiscono spesso indispettendosi perchè effettivamente vedono fare cose strane a cui non sono abituati, ti immedesimi in loro e comprendi: la loro è una reazione piu' che comprensibile, stai sfidando con il tuo comportamento, tutti i loro paradigmi!
Ma la forza deve nascere da dentro di noi e davvero se siamo molto sereni con noi stessi, anche gli altri un po' alla volta cominceranno ad apprezzarci e ad incuriosirsi e magari persino a sperimentare.
E' successo, succede ed è bello quando accade! :D
Baci!

palmerino
Messaggi: 4
Iscritto il: 16/12/2012, 18:48

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da palmerino » 12/05/2013, 0:47

siamo bombardati instancabilmente a seguire un'alimentazione e non solo (stile di vita) molto complicata.
i nutrizionisti sono prodighi a informarci con tante complicazioni, siamo invasi dalla pubblicità, dai programmi televisivi (fateci caso: spunta sempre qualche chef anche nelle trasmissioni più impensate :| pronto a cucinare e condire più alimenti insieme) e alla fine ci dimentichiamo la semplicità.
ogni animale ha un suo cibo più ottimale e che certamente... non cuoce.

diventa quindi difficile uscire da questo mondo creato a arte per allevarci.
più vado avanti e più penso seriamente che siamo allevati per essere sfruttati da pochi gruppi di potere dalle case farmaceutiche alle multinazionali che brevettano nuovi cibi, catene che propongono cibi "veloci", che stampano una moneta solo sulla fiducia e per indebitare gli Stati, eccetera.

purtroppo l'uomo è sì un animale molto intelligente (fuori dubbio) e anche poco saggio.
e quindi possiamo facilmente essere manipolati. :(
c'est la vie: ognuno di noi ha la propria responsabilità nelle scelte che porta avanti.
partiamo da qui. ;)

francisco
Messaggi: 28
Iscritto il: 23/06/2012, 2:16

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da francisco » 20/08/2013, 14:12

Ciao amici rispolvero il 3d,

io credo che le abitudini siano difficilissime da cambiare,
pensate solo ad una semplice azione giornaliera,lavarsi i denti o aprire una porta,
Bè se siete abituati con una mano,farlo con l'altra sarà piu impegnativo....

riguardo al cibo,dobbiamo aggiungere anche la parte emotiva...
il profumo di un preciso cibo o una certa situazione...vi scatena ricordi inconsci e no....
Sentite una canzone...vi scatena ricordi precisi...uguale il cibo...
.

io in passato ho avuto problemi di dipendenza da eroina,
bè vi dico che alcuni meccanismi sono uguali!!!!

Credo che, circondarsi di persone che seguono una percorso simile sia piu facile e di aiuto....
un abrazo

Avatar utente
Mark
Messaggi: 393
Iscritto il: 01/05/2012, 10:56
Località: Brescia
Contatta:

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Mark » 20/08/2013, 17:33

francisco ha scritto:Ciao amici rispolvero il 3d,

io credo che le abitudini siano difficilissime da cambiare,
pensate solo ad una semplice azione giornaliera,lavarsi i denti o aprire una porta,
Bè se siete abituati con una mano,farlo con l'altra sarà piu impegnativo....

riguardo al cibo,dobbiamo aggiungere anche la parte emotiva...
il profumo di un preciso cibo o una certa situazione...vi scatena ricordi inconsci e no....
Sentite una canzone...vi scatena ricordi precisi...uguale il cibo...
.

io in passato ho avuto problemi di dipendenza da eroina,
bè vi dico che alcuni meccanismi sono uguali!!!!

Credo che, circondarsi di persone che seguono una percorso simile sia piu facile e di aiuto....
un abrazo
Da ciò che capisco, bisogna rafforzare la mente e questo aumenta la forza di volontà. Questo lo si può fare con i cibi giusti che non sempre è frutta e verdura...poi quando sarai forte a sufficienza potrai passare a frutta e verdura.
Ma fintanto che mangi cibi morti, morirai con loro.

Questo è tratto dalle ricerche dell'ing. André Simoneton:

Ogni essere umano in buona salute emette normalmente vibrazioni che vanno dai 6200 ai 7000 Å, questa vibrazione può essere mantenuta da onde vibranti della medesima lunghezza o superiore, gli alimenti superiori sono uno straordinario supporto.
Un cibo con alte vibrazioni favorisce ottima salute proprio perché ha un'alta compatibilità biochimica con il corpo umano.

Gli alimenti più sani, sono quelli con vibrazione più alta, ossia quelli che irradiano di più e che tendono a mantenere o ad elevare la vibrazione umana.
Seguendo queste semplici indicazioni vedrai risultati in tempi brevi: il corpo sarà più vitale e questo si tradurrà in un rafforzamento del sistema immunitario, oltre che in un aumento di abilità fisiche ed intellettuali, entusiasmo e "carica".


GLI ALIMENTI SUPERIORI, 6501 - 10.000 Å:
Forniscono PIU' energia vitale di quanta ne richiedano per essere digeriti ed assimilati, per cui sono senza dubbio i migliori:

Pasta FRESCA casalinga
Pane integrale a lievitazione naturale
Uova DI GIORNATA di galline ruspanti
Burro FRESCHISSIMO DI GIORNATA
Frutta fresca di stagione BEN MATURA
Frutta oleosa (Mandorle, olive, pinoli, noci, ecc.)
Olio extravergine di oliva SPREMUTO A FREDDO
Crema latticina e formaggi NON fermentati (freschi)
Succhi di frutta o vegetali fatti in casa e subito ingeriti
Cereali non OGM in chicchi interi o spezzati (non farina)
Ortaggi e legumi crudi o cotti con temperatura non superiore ai 70 gradi

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Akira » 29/08/2013, 8:09

La robasurgelata mantiene la sua vitalità?

Se surgelo un seme questo seme una volta scongelato e se piantato crea una nuova pianta quindi la vitalità sembra sia conservata.

Voi che dite?

Nala
Messaggi: 3
Iscritto il: 28/08/2013, 8:11

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Nala » 15/11/2013, 13:01

Ciao. Volevo anch'io fare una domanda: ormai è da qualche mese che mangio frutta x tutto il giorno e verdure crude la sera. Ma quello che non riesco ad eliminare è l'olio d'oliva (anche se lo uso in piccolissime quantità!) e l'aceto balsamico (anche questo con grande parsimonia!!), che ho letto acidifica il corpo. Qualcuno saprebbe suggerirmi qualche alternativa? Grazie

arbor
Messaggi: 121
Iscritto il: 14/09/2012, 14:35

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da arbor » 16/11/2013, 17:00

Una possibile alternativa all'olio è l'avocado (con limone).

Secondo me, Mark, sarebbe interessante conoscere il valore vibrazionale dei cibi che tu hai elencato dopo però la cottura: qui probabilmente avremmo parecchie sorprese, non credi?

Avatar utente
Giuseppe
Messaggi: 36
Iscritto il: 04/08/2013, 8:16

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ide

Messaggio da Giuseppe » 20/02/2014, 6:43

Se la scelta fatta di alimentarci con frutta e' ben integrata dentro noi accettata e amata, il mondo che ci circonda riflettera' quello stato d'animo, con situazioni persone che si uniformeranno a cio' in cui noi crediamo
“Il digiuno è il primo principio della medicina.”
Rumi

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ideale.

Messaggio da Akira » 03/10/2018, 15:42

Io invece non butto i soldi ma mangio come natura vuole.
:-)

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Aspetti psicologici da risolvere,per l'alimentazione ideale.

Messaggio da Luca » 04/10/2018, 11:27

Akira ha scritto:
03/10/2018, 15:42
Io invece non butto i soldi ma mangio come natura vuole.
:-)
Esatto, per questo ho cancellato il commento precedente e avvisato il nuovo utente, per la pubblicità di integratori di sintesi da cui siamo distanti
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Rispondi