Riconoscere la fame

Tutto ciò che riguardo la salute e il benessere attraverso nutrizione, movimento e rimedi semplici e naturali
La "La verità è sempre semplice !" Cerchiamo assieme sulle soluzioni più efficaci e naturali per un benessere e salute con buonsenso e semplicità. (BS2)
lisak84
Messaggi:65
Iscritto il:26/04/2011, 20:22
Re: Riconoscere la fame

Messaggio da lisak84 » 26/01/2012, 22:54

Stefano come ho già scritto reputo i tuoi articoli molto utili ed interessanti...
E ripeto che son felice x le info che ci offri sempre... ;)

Edit: modificato da Silver

stefanotorcellan
Messaggi:206
Iscritto il:05/11/2011, 1:47

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da stefanotorcellan » 27/01/2012, 1:34

Ciao Lisak 84, mi fa molto piacere che tu sia felice per le informazioni che vi offro.

Grazie per i complimenti e per avermi risposto.


Edit: modificato da Silver

Grazia
Messaggi:74
Iscritto il:14/10/2011, 16:37

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Grazia » 27/01/2012, 9:09

Sono d'accordo con Lucia di nominare Stefano moderatore perchè, come già ribadito, dai suoi articoli minuziosi, esaustivi e semplici, si denota la sua immensa preparazione e conoscenza sugli argomenti trattati. Reputo l'argomento "RICONOSCERE LA FAME" fondamentale, basilare e vitale per raggiungere la salute ed il benessere. :)

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 14:10

****
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 27/01/2012, 14:14

Sarebbe bello avere anche l'opinione di Silvio;

Tra le info che mi interessano ci sono i libri su cui è possibile reperire informazioni a riguardo. Tipo una bella lista.
Conosco gli autori igienisti, ma non ne ho letto tutti i libri, e di quelli non igienisti non ho letto quasi nulla.
Cavolo ci vorrebbe un sito solo per quest'argomento! :D

Ciao!

Edit: modificato da Silver

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 27/01/2012, 14:15

Eheh, scusa Silvio abbiamo postato insieme. Potere della telepatia! ;)

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 14:32

Epineo, questo argomento, come tanti altri, potrebbe aprire mille rivoli di interminabili approfondimenti.
Ciò però mi da lo spunto per chiarire un po' di cose.

L'igienismo ha sicuramente in sè moltissime cose giuste e condivisibili e ci sono molti siti di igienismo anche ben fatti.
Io e Luca non condividiamo tutti i dettami dell'igienismo e abbiamo creato qualcosa di diverso: Fruttalia.

Quindi se qualcuno volesse conoscere i dettagli dell'igienismo non dovrebbe cercarli qui. E non è nemmeno logico postare dettami igienisti su questo forum come se fossero oro colato.

Al massimo qui potremmo assistere a quelle che sono le differenze tra il pensiero igienista e quello Fruttaliano.

Sarà poi nel buonsenso personale di ognuno prendere il buono dove lo torva, che sia da una parte o dall'altra.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 14:33

EpiNeo ha scritto:Potere della telepatia! ;)
eh eh ho una discreta preparazione in questo! ;-)
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 27/01/2012, 15:22

Ok, infatti non intendevo farne un posto dove discutere di igienismo. Parlavo dei libri igienisti perché sono stati nominati quelli nei precedenti post, ma la mia proposta era proprio quella di estendere la conoscenza su quest'argomento, nel seguente modo (schematizzo perché faccio prima):
1) chi ha informazioni in merito (tipo Tu, Luca e Stefano) può fare un bel riassunto delle proprie (che più o meno è quello che stavate facendo prima della diatriba);
2) fornire una lista di libri, oltre a Fruttalia e libri igienisti, dove reperire dette informazioni.
E a questo punto il confronto sarebbe senz'altro interessante.
Ciao!

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi:2643
Iscritto il:01/02/2011, 14:44
Località:ROMA
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Luca » 27/01/2012, 15:59

EpiNeo ha scritto:Ok, infatti non intendevo farne un posto dove discutere di igienismo. Parlavo dei libri igienisti perché sono stati nominati quelli nei precedenti post, ma la mia proposta era proprio quella di estendere la conoscenza su quest'argomento, nel seguente modo (schematizzo perché faccio prima):
1) chi ha informazioni in merito (tipo Tu, Luca e Stefano) può fare un bel riassunto delle proprie (che più o meno è quello che stavate facendo prima della diatriba);
2) fornire una lista di libri, oltre a Fruttalia e libri igienisti, dove reperire dette informazioni.
E a questo punto il confronto sarebbe senz'altro interessante.
Ciao!
Ok Epineo questa è anche la mia posizione. L'utilità del forum è, e deve essere questa; consultazione, domande e spiegazioni. :D
Ci sono delle linee guida da seguire, ovvio, ma poi massima libertà di espressione, pur fermo restando il regolamento e quindi il rispetto reciproco :D
Spero che ci sia buon senso di armonizzare la questione. :D
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 18:41

EpiNeo ha scritto:
1) chi ha informazioni in merito può fare un bel riassunto delle proprie
2) fornire una lista di libri dove reperire dette informazioni.
1) mio riassunto del riassunto: abbiamo identificato due tipi di fame che genericamente abbiamo chiamato VERA e FALSA.
VERA quando deriva dal naturale consumo di sostanze, FALSA quando indotta da fattori innaturali quali un'acidificazione indotta da cibi errati o da motivi psicologici.
Non troverai nulla espresso così nei libri: è solo un modello che abbiamo usato per cercare di spiegare ai profani cosa accade. Una specie di metafora insomma.
In entrambi i casi, sorge la voglia di mangiare qualcosa.

La questione si è quindi incentrata sul tipo di manifestazione fisiologica dobbiamo aspettarci per le "due fami", e più nel particolare se questi effetti siano identici per tutti o se ci sono margini per una certa soggettività, e sul fatto che una carenza di sali minerali inneschi o meno lo stimolo della fame.

La mia tesi, è che la carenza di sali minerali inneschi lo stimolo della fame e che tale stimolo, in generale, non sia univoco per tutti ma che possa esserci modo e modo di manifestarli. Ovvero anche se certamente esiste un modo più diffuso per manifestare la fame, questo non sia l'unico ed esclusivo.

2) Io non sono in grado di fare una lista: ti consiglio di leggerne tanti.
Molte delle cose che conosco io, ad esempio, derivano da filmati visti negli anni (documentari e filmati su internet). E non solo: anche da esperienze dirette (su di me) e indirette (su amici e utenti del forum), dall'analisi e sintesi di osservazioni della natura.
Per esempio sono tantissimi anni che so che i vitelli leccano le gabbie perché gli danno una dieta senza ferro per mantenere le carni bianche. Addirittura sono conoscenze apprese molti anni prima del mio interesse per l'alimentazione ma che ricordavo. Anche io amo gli animali fin da bambino. Non avevo link a disposizione quindi me li sono andati a cercare velocemente.
Per esempio che i cani mangiassero terra e sassolini non ho mai avuto bisogno di informarmi: lo faceva anche il mio cane. Così come a volte si mangiava l'erba.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 27/01/2012, 20:18

Silver ha scritto: 1) mio riassunto del riassunto: abbiamo identificato due tipi di fame che genericamente abbiamo chiamato VERA e FALSA.
VERA quando deriva dal naturale consumo di sostanze, FALSA quando indotta da fattori innaturali quali un'acidificazione indotta da cibi errati o da motivi psicologici.
[...]
Ciao Silver,
ti ringrazio del riassunto del riassunto! Anche io conosco più o meno le stesse informazioni che hai scritto.
Probabilmente per via di Cocca, anche io penso che la mancanza di minerali possa generare la fame. Ma non sono in grado purtroppo di dire se è veramente così o meno.
Addirittura Cocca porta esempi dicendo che all'inizio di un pasto potresti avere molta fame di pomodori (per esempio) che poi mentre li mangi svanisce, ma subito dopo ti viene voglia di zucchine (ancora per esempio) che sfami nella quantità che desideri. La sua spiegazione se ricordo bene era che l'istinto ci guida verso ciò che ci fornisce il nutrimento di cui abbiamo bisogno.
Effettivamente se devo provare a ragionarci mi vengono le seguenti riflessioni:
1) come fa l'istinto a sapere che dentro quel cibo ci sono veramente i nutrienti di cui abbiamo bisogno? Potrebbe essere un'informazione contenuta nel nostro sapere inconscio?
2) l'istinto potrebbe oggigiorno essere deviato dalle voglie della mente.

Io nella mia esperienza personale ho notato questo: durante un digiuno, seppur breve (7 giorni), la voglia di cibo stimolata dagli odori delle pietanze c'era, però nel momento in cui pensavo di mangiare provavo nausa. La disintossicazione non era finita e suppongo me lo facesse notare così. Sicuramente quella era fame mentale.

Di giorno mangio molto spesso fruttariano dalla mattina fino al pomeriggio compreso. La sera mi viene voglia di farmi la super insalatona. Eppure non è che organoletticamente sia più buona della frutta, anzi, ma mi sento attratto comunque dall'insalata. Forse perché devo compensare una carenza di minerali non presenti nella frutta?
Purtroppo non penso sia facile rispondere a queste domande, però con l'esperienza personale possiamo capirci sempre più.

Ultimo esempio: proprio questa settimana solita situazione della frutta di giorno. Arrivo a casa e pur avendo voglia dell'insalatona non ho voglia di prepararla, allora mi butto sulle banane; erano semplici banane del supermercato ma mi sono sembrate squisite e dolcissime!! Le ho apprezzate molto pur se fino a qualche attimo prima avrei preferito istintivamente l'insalatona. Boh! :)

Ultimissima cosa: anche io recentemente ho visto di persona vitelli in una fattoria che leccavano le gabbie, tutt'altro che pulite tra l'altro, ma la loro alimentazione non era consona alla loro specie, gli veniva dato del mais. Probabilmente restavano carenti di qualche minerale.

Grazia
Messaggi:74
Iscritto il:14/10/2011, 16:37

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Grazia » 27/01/2012, 21:21

Scusa Silver,
da quello che si capisce, l'igienismo e l'ehretismo insegnano come riacquistare e mantenere la salute attraverso la disintossicazione (digiuno ed alimentazione) ed attraverso il cibo adatto all'uomo.
Sia per l'igienismo che per l'ehretismo, la malattia è lo sforzo del corpo, per eliminare tossine, muco, materiali indesiderabili.
Quindi le basi fondamentali di questi due sistemi non differiscono, sono identiche.
Come si sa, le verità sono eterne e non cambiano con il passare del tempo e neanche in base alle differenze dei vari sistemi che insegnano come riacquistare e mantenere la salute.
Tra l'altro, l'argomento della fame è certamente quello che più di tutti gli altri (disintossicazione, digiuno e cibo) accomuna l'igienismo e l'ehretismo.
Perchè in entrambi i sistemi (igienismo ed ehretismo) per riacquistare e mantenere la salute bisogna sapere QUANDO e QUANTO MANGIARE.
Infatti, io credo, come dice il Dott. Shelton (riportato da Stefano) che MANGIARE QUANDO SI HA VERAMENTE FAME E' LA PRIMA REGOLA DI OGNI VERO SISTEMA NATURALE DI NUTRIZIONE.
Quindi, è certo che, un fruttariano che non rispetta la vera fame non può mantenere la salute.
Per quanto riguarda la dieta di transizione, se non si rispetta la vera fame, non si potrà interpretare nel giusto modo gli eventuali sintomi di eliminazione, che si potranno manifestare.
Pertanto, secondo il mio punto di vista, gli articoli sulla fame, igienisti o ehretisti che siano, devono per forza essere accettati, anche in questo sito (visto che in questo sito si parla di salute), per dare la possibilità a tutti gli iscritti, di ampliare ed accrescere le proprie conoscenze su questo importantissimo e fondamentale argomento.
Come dico sempre ai miei figli, bisogna sempre sostenere la VERITA', anche se dovessero crollare i cieli :)

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 22:30

Grazia hai detto cose giustissime e condivisibili.

Infatti il dissapore nacque per i modi con cui certe cose sono state dette e non per le cose in se.

Anzi, il forum nasce proprio per parlare di cose come queste e quando non ci si trova d'accordo trovare il modo di dialogare per accrescere le informazioni e crescere tutti.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 27/01/2012, 22:41

EpiNeo ha scritto: 1) come fa l'istinto a sapere che dentro quel cibo ci sono veramente i nutrienti di cui abbiamo bisogno? Potrebbe essere un'informazione contenuta nel nostro sapere inconscio?
E' la meravigliosa complessità dei nostri organi ad individuare la presenza di certe sostanze. La bocca è un laboratorio chimico di eccelsa fattura. Il naso anche ma poi è la bocca a dire l'ultima parola (eh eh c'è un sottile doppio senso umoristico).
2) l'istinto potrebbe oggigiorno essere deviato dalle voglie della mente.
No, altrimenti non sarebbe più istinto ma sarebbe "condizionamento mentale"
L'istinto è al di fuori dell'aspetto razionale e conoscitivo, ovvero fai le cose senza pensarci e senza sapere il perché in modo naturale. Se fai cose senza pensare e senza sapere il perché in modo non naturale è un induzione ipnotica.

Io nella mia esperienza personale ho notato questo: durante un digiuno, seppur breve (7 giorni), la voglia di cibo stimolata dagli odori delle pietanze c'era, però nel momento in cui pensavo di mangiare provavo nausa. La disintossicazione non era finita e suppongo me lo facesse notare così. Sicuramente quella era fame mentale.
Anche io l'ho vissuto. Si, sicuramente era fame mentale...
Di giorno mangio molto spesso fruttariano dalla mattina fino al pomeriggio compreso. La sera mi viene voglia di farmi la super insalatona. Eppure non è che organoletticamente sia più buona della frutta, anzi, ma mi sento attratto comunque dall'insalata. Forse perché devo compensare una carenza di minerali non presenti nella frutta?
E' una situazione comune. Io credo invece che sia perché il corpo, anche se ha fame, non vuole l'acido che normalmente da la frutta ma piuttosto qualcosa che "accarezzi" gli intestini e li pulisca. E' una mia idea e non ho però conferme in merito.
...semplici banane del supermercato
Un frutto per nulla acido in effetti...
... ho visto di persona vitelli in una fattoria che leccavano le gabbie ... probabilmente restavano carenti di qualche minerale.
Come detto, li tengono a diete povere di ferro per intenerire le carni.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

stefanotorcellan
Messaggi:206
Iscritto il:05/11/2011, 1:47

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da stefanotorcellan » 28/01/2012, 2:43

CIAO LUCIA e CIAO GRAZIA, vi ringrazio dei complimenti, della proposta di nomina a moderatore, del sostegno e di aver scritto.
Ciao.

stefanotorcellan
Messaggi:206
Iscritto il:05/11/2011, 1:47

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da stefanotorcellan » 28/01/2012, 3:53

Ciao EpiNeo, è vero che l' argomento della fame è molto interessante, mangiare solo quando si ha veramente fame è la prima regola di ogni vero sistema naturale di nutrizione, quindi l' importanza di questo argomento è fondamentale per poter riacquistare e mantenere la nostra salute.
Per quanto riguarda la diatriba, io non ho nessun problema a cessare la guerra riassumendo le mie idee o modificando all' essenziale tutti i miei articoli sulla fame, a patto che anche Silver riassuma le sua idee o modifichi all' essenziale i suoi articoli sulla fame.

Per quanto riguarda la tua proposta di far intervenire COCCA su questa questione, ti posso dire che Giuseppe Cocca fa parte, come me, da molti anni all'' associazione igienista italiana, ed IO LO CONOSCO DA CIRCA 20 anni.
Con Giuseppe ci siamo, conosciuti in uno degli incontri, che Alfio Libralato, il più famoso fruttariano dell' associazione igienista italiana, organizzava a casa sua.
Ho incontrato Giuseppe, chiaramente anche nei convegni e nelle conferenze organizzate dall' associazione igienista italiana.

Io posso dire, che sono 25 anni che mangio solo quando ho veramente fame, l' argomento della fame è quello sul quale ho puntato di più per riacquistare e mantenere la mia salute, ed è quello che per primo cerco di far capire sempre a tutti quelli che mi chiedono consigli su come riacquistare e mantenere la salute.
Ho dovuto fare parecchi esperimenti prima di capire quando e quanto mangiare, visto che prima d' incontrare l' igienismo, ho mangiato per parecchi anni seguendo una dieta da culturista, dove la fame è l' ultima cosa che si guarda.
Pesavo 92 kg. ( 181 cm di altezza) e avevo una circonferenza delle braccia di 44 cm. nell' esercizio della panca piana facevo un massimale ( una sola ripetizione) con 160 kg., e nello stacco da terra un massimale di 200kg., per riuscire a mantenere questo peso e questi risultati, chiaramente mangiavo come un lupo dividendo in 4 o 5 pasti al giorno:
-mezzo kg di pasta o di riso,
-8 o 10 panini da 70 gr. l' uno,
- da 5 a 7 etti di carne,
- 6 uova,
- 2 litri di latte,
E' chiaro, che uscito da questa esperienza, io non sapevo più, quando e quanto mangiare.

Se sono riuscito nell' impresa, è grazie agli scritti del Dr. Shelton e dell' igienista Albert Mosserì, i più chiari, esaurienti, magistrali,e perfetti che ho mai letto in 25 anni su circa un centinaio di libri.

Devo dire quindi, che io non ho bisogno del parere di nessuno, tanto sono certo del fatto mio.

Sono certo, che E' SEMPRE MEGLIO ATTINGERE LE INFORMAZIONI DALLA FONTE piuttosto che da un qualsiasi discepolo di una qualsiasi scuola della salute, Igienista o Erhetista che sia, ed è per questo che nei miei articoli cito sempre le fonti ( i libri e gli autori ), dando meno spazio ai miei pensieri.
La storia ci insegna, che i più grandi uomini ( illuminati), sono stati traditi o fraintesi proprio dai loro più fidati discepoli.

Se ti interessano i libri igienisti di Shelton o Mosserì basta che telefoni a Michele Manca che è il presidente dell' associazione igienista italiana, al numero 010-823427, e lui te li spedisce a casa.

Se ti interessa il discorso dell' istinto, puoi farti mandare sempre da Michele manca, gli opuscoli sull' Istintoterapia di Guy Claude Burger, così non rischi di farti spiegare l' istinto da chi non lo conosce.
Ciao.

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 28/01/2012, 13:22

stefanotorcellan ha scritto: Per quanto riguarda la tua proposta di far intervenire COCCA su questa questione, ti posso dire che Giuseppe Cocca fa parte, come me, da molti anni all'' associazione igienista italiana, ed IO LO CONOSCO DA CIRCA 20 anni.
Ok, la mia idea di far partecipare Cocca era solo per avere un altro autorevole esperto, che ha fatto esperienza sulla propria pelle, ma non è certo indispensabile, mi rendo conto che la tua esperienza, quella di Silver e di Luca sono già abbastanza per quelli che come me ne hanno molta meno.
stefanotorcellan ha scritto: Io posso dire, che sono 25 anni che mangio solo quando ho veramente fame, l' argomento della fame è quello sul quale ho puntato di più per riacquistare e mantenere la mia salute, ed è quello che per primo cerco di far capire sempre a tutti quelli che mi chiedono consigli su come riacquistare e mantenere la salute.
Ho dovuto fare parecchi esperimenti prima di capire quando e quanto mangiare, visto che prima d' incontrare l' igienismo, ho mangiato per parecchi anni seguendo una dieta da culturista, dove la fame è l' ultima cosa che si guarda.
[...]
È sicuramente un aspetto dei più difficili da affrontare. Parlavo a Silver dell'istinto che può essere deviato dalla mente, e giustamente mi ha fatto notare che se l'istinto fosse deviato dalla mente non sarebbe istinto. Ripropongo però la questione diversamente: le voglie della mente a volte coprono o non ci fanno riconoscere quali sono i veri comportamenti istintuali del nostro corpo.
Questo tema è qualcosa che si allaccia molto alla spiritualità e mi interessa molto, significa arrivare a conoscere molto meglio se stessi, ripulendosi da un sacco di condizionamenti esterni.
stefanotorcellan ha scritto: Se sono riuscito nell' impresa, è grazie agli scritti del Dr. Shelton e dell' igienista Albert Mosserì, i più chiari, esaurienti, magistrali,e perfetti che ho mai letto in 25 anni su circa un centinaio di libri.
Devo dire quindi, che io non ho bisogno del parere di nessuno, tanto sono certo del fatto mio.
Sono certo, che E' SEMPRE MEGLIO ATTINGERE LE INFORMAZIONI DALLA FONTE piuttosto che da un qualsiasi discepolo di una qualsiasi scuola della salute, Igienista o Erhetista che sia, ed è per questo che nei miei articoli cito sempre le fonti ( i libri e gli autori ), dando meno spazio ai miei pensieri.
La storia ci insegna, che i più grandi uomini ( illuminati), sono stati traditi o fraintesi proprio dai loro più fidati discepoli.
Grazie per le indicazioni. Di Shelton ho già letto qualcosa, di Mosserì molto poco.
La mia voglia di conoscere ciò che dicono le fonti più autorevoli non vuole comunque essere un modo per non considerare l'esperienza di miei contemporanei, come potete essere tu, Luca, Silver, Cocca, Acerra, Valdo, Luciano, Scaffidi, Bricchi etc., quindi sono molto proprenso a sentire i vostri pareri.
Poi come dici tu, ascolterò molto me stesso e quello che mi dice il corpo e l'istinto. Nonostante sia in "questo mondo" da solo 2 anni e mezzo, sto cercando di fare questo lavoro di approvvigionamento informazioni ed esperienze altrui che unisco alle mie e alle informazioni delle fonti autorevoli, così cerco di filtrare e farmi delle opinioni, pronto però a modificarle in caso necessario.
stefanotorcellan ha scritto: Se ti interessano i libri igienisti di Shelton o Mosserì basta che telefoni a Michele Manca che è il presidente dell' associazione igienista italiana, al numero 010-823427, e lui te li spedisce a casa.
Se ti interessa il discorso dell' istinto, puoi farti mandare sempre da Michele manca, gli opuscoli sull' Istintoterapia di Guy Claude Burger, così non rischi di farti spiegare l' istinto da chi non lo conosce.
Ciao.
Ho conosciuto Manca, è proprio una bella persona. Grazie dei riferimenti.
Ciao!

Avatar utente
Silver
Messaggi:743
Iscritto il:16/02/2011, 10:27
Località:TORINO
Contatta:

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da Silver » 28/01/2012, 14:11

EpiNeo ha scritto:Ripropongo però la questione diversamente: le voglie della mente a volte coprono o non ci fanno riconoscere quali sono i veri comportamenti istintuali del nostro corpo.
Certamente si.

Il nostro istinto è praticamente vittima di almeno due cose: le influenze fisiche e le influenze mentali.
Per influenze intendo qualcosa che è generato da una motivazione non naturale.
Per esempio le droghe (e i cibi che hanno effetti simili) inducono il corpo a chiedere cibo (es. fame chimica)
La mente crea tantissime occasioni per cui copre l'istinto: ricordi (il cibo dell'infanzia), induzioni ipnotiche (bevi coca cola), frustrazioni varie (sensi di solitudine, incomprensione, insoddisfazione dalla vita), stati d'animo vari (blocco della fame da stress, tuffo nella dolcezza per carenze affettive), cultura (alimentazione dettata dalla famiglia), vita sociale (la bevuta con gli amici).

Sono solo alcuni esempi.

Affinché l'istinto faccia di nuovo capolino dentro di noi, dovremo quindi iniziare un percorso lento di pulizia fisica e soprattutto psicologica.
Soprattutto all'inizio non è facile riconoscere sempre l'istinto da un condizionamento mascherato da voglia.

Tantissime persone quando hanno fatto i conti col cambio alimentazione hanno avuto un "risveglio spirituale" o cmq un avvicinamento in tal senso.

Gli studi che sto compiendo adesso vanno proprio ad approfondire questo aspetto e sono molto interessanti.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

EpiNeo
Messaggi:94
Iscritto il:24/01/2012, 10:34

Re: Riconoscere la fame

Messaggio da EpiNeo » 28/01/2012, 14:59

Grazie Silver!
E interessa molto anche me, conoscere se stessi è di fondamentale importanza per capire tutto ciò che sta all'infuori di noi.
Ciao!

Rispondi